Eventi

«Gennaio 2018
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

ambiente

Inizia FestAmbiente Vicenza 2014

( parole chiave: )
24/06/2014 - 16:30
24/06/2014 - 23:59

 - LA BELLEZZA SALVERA' IL MONDO --
24 giu: BRASIL NIGHT: Samba, Capoeira & Futbol (proiezione Italia-Uruguay)
25 giu: Festambiente Vicenza BUSKERS FESTIVAL
26 giu: MASSIMO VOLUME
27 giu: lo STATO SOCIALE
28 giu: sir OLIVER SKARDY & Fatti Quotidiani VS. Marco FURIO Forieri & SKA-J
29 giu: the SWEET LIFE SOCIETY

CONFERENZE / WORKSHOP & LABORATORI / ATTIVITA' / RISTORANTE / VEGAN / BIRRA ARTIGIANALE / PANINERIA / OSTERIA / CREPES / GELATERIA & molto altro!

Scopri il PROGRAMMA COMPLETO su: www.festambientevicenza.org

10 anni di M'illumino di meno

( parole chiave: )
14/02/2014 - 00:00
14/02/2014 - 23:59

Ambiente come opportunità per l'economia - Laura Puppato a Schio

( parole chiave: )
23/11/2013 - 21:00
23/11/2013 - 23:00

Laura Puppato sarà nostra ospite per parlare di "Ambiente come opportunità per l'economia"

Appuntamento fissato per sabato 23 novembre ore 16 presso Sala Calendoli - Teatro Civico di Schio (VI), via P. Maraschin 19.
Vi attendiamo numerosi!

Il Comitato Vicenza per Civati

___

p.s. iodemocratico è, da sempre, uno spazio plurale ed aperto a 360° sul mondo del PD. Vorremmo poter offrire ai nostri e-lettori il calendario completo degli appuntamenti in vista delle primarie dell'8 dicembre. Invitiamo i promotori dei comitati per Renzi e Cuperlo a spedire inviti e locandini degli eventi all'indirizzo moderatori@iodemocratico.it - Grazie mille!

La Proposta del PD/2

( parole chiave: )

"Come conciliare il diritto alla salute con il diritto al lavoro e la tutela dell'ambiente?" - reportage di Vincenzo Cordiano

( parole chiave: )

Grande successo dell'incontro svoltosi a Valdagno.

Grande è stato il successo dell'incontro pubblico organizzato, con il patrocinio del Comune di Valdagno, dall'Associazione Medici per l'Ambiente-ISDE Italia, sezione di Vicenza, e dall'Associazione Campo Aperto.
Numerosi gli amici e compagni venuti anche da lontano (Treviso, Lonigo, ecc.) che hanno sfidato le intemperie per ascoltare i relatori, tutti bravi e competenti.
Ho iniziato io che ho parlato brevemente delle indagini e/o processi in corso a Vicenza e a Paola (CS), Calabria, che vedono coinvolti dirigenti della Marzotto per un eccesso di morti sul lavoro e per disastro ambientale. Ho anche accennato brevemente alla situazione dell'inquinamento ambientale a Valdagno, presentando dati ufficiali relativi ad una campagna di rilevazioni effettuate dai tecnici regionali dell'ARPA Veneto nel 2008  (qui per consultare i dati completi), dati che dimostrano in modo inequivocabile che l'aria che respiriamo a Valdagno è inquinata di sostanze cangerogene e genotossiche (che alterano cioè il DNA e il genoma dell'individuo) e che per molti giorni sono state superate le concentrazioni massime stabilite per legge.
 
Ha proseguito poi Maria Chiara Rodeghiero, Presidentessa delal sezione di VIcenza dell'Associazione Italiana Esposti all'Amianto che con il suo appassionato intervento ha illustrato gli scopi e le finalità dell'associazione , invitando tutti i lavoratori ex esposti e i loro familiari a rivolgersi all'associaizone che ha aperto una nuova sede a Creazzo, in caso di bisogno.
 
Il dottor Merler di Padova ha poi illustrato brevemente i dati del Registro Mesoteliomi del Veneto, che dimostrano come l'incidenza di questo raro tipo di tumori in provincia di Vicenza sia inferiore a quella di altre provincie del Veneto, soprattutto Venezia e Padova, che risultano essere le provincie più martoriate da questo disastro. Il dato più allarmante emerso dalla relazione di Merler è che, sebbene il picco del numero di mesoteliomi da esposizione professionale sia atteso per il 2020 circa, sembrano in lento e continuo aumento i casi "ambientali" cioè quelli causati dall'esposizione di "comuni" cittadini, cioè non lavoratori esposti professionalmente. Questa è la conseguenza, irreversibile, dell'immissione delle fibre di asbesto nell'ambiente e nelle discariche abusive e non.

E’ on line la mappatura delle isole ecologiche della città di Thiene

( parole chiave: )

E’ consultabile da qualche giorno, sul sito istituzionale del Comune di Thiene, alla sezione Servizi e Uffici / Ecologia, la mappatura delle 78 isole ecologiche della Città di Thiene.

L’iniziativa promossa dall’ufficio Ecologia è stata realizzata grazie all’impegno dello studente dell’Istituto Tecnico “A. Ceccato”, Mattia Gobbo, nel periodo di stage formativo di quindici giorni lavorativi trascorso in Comune nelle settimane scorse.

E’ uno strumento che riteniamo utile ai cittadini – ha dichiarato Andrea Zorzan, assessore ai Lavori Pubblici e all’Ambiente – La mappatura rende bene l’idea della complessità della rete delle isole ecologiche, la cui dislocazione è frutto di uno studio accurato e ragionato da parte degli uffici comunali nonché oggetto spesso di dibattito con i cittadini”.
La lettura della mappa è facile e precisa e molto accurato è stato il lavoro svolto da Mattia Gobbo, che ha controllato “al centimetro” le indicazioni delle isole riportate sulla cartografia dell’Ecologia, girando in bicicletta tutta Thiene, quartiere per quartiere.
La pubblicazione sulla rete del sistema thienese delle isole ecologiche costituisce un altro passo in avanti nel processo di trasparenza e di e government che l’Amministrazione Comunale intende realizzare nel proprio mandato.
leggi tutto »

Facciamo la festa a Gaia

( parole chiave: )
22/04/2012 - 00:00
22/04/2012 - 23:59





"La fine di Gaia non arriverà
la gente si sbaglia
in fondo che ne sa.
E' un fuoco di paglia
alla faccia dei Maya e di Cinecittà.
La fine di Gaia non arriverà!
La fine di Gaia non arriverà!"

Rifiuti: Bratti (PD), modificare decreto ambientale Camera

( parole chiave: )

(ANSA) - ROMA, 5 marzo -

"Il Decreto ambientale alla Camera deve necessariamente essere modificato". Lo dichiara Alessandro Bratti (PD) capogruppo in Commissione Bicamerale rifiuti e responsabile nazionale Pd per le politiche sui rifiuti.

Secondo Bratti le modifiche devono esserci "sia sulla parte relativa al materiale di riporto concernente le bonifiche dei siti contaminati che così come è aprirebbe contenziosi che faciliterebbero il traffico illecito dei rifiuti, sia su quella relativa alla pericolosita' dei rifiuti con codici di ecotossicita' che vanno puntualmente definiti sia per quello che concerne la riscossione del tributo sui rifiuti ai Comuni per la Campania".

"Vi sono poi altre situazioni critiche da esaminare - aggiunge - riguardo alla compatibilità comunitaria, alla liberalizzazione dei mercati e alla esigenza che i provvedimenti soprattutto riguardo alla gestione dei rifiuti in Campania consentano alla regione il rientro alla normalita' evitando di dare ulteriori poteri a commissari. Il provvedimento contiene molte novità positive, l'anticipo al 31.12.2012 del Piano nazionale di riduzione dei rifiuti, uno stimolo ai cosiddetti acquisti verdi, un piu' facile uso dei sottoprodotti agricoli, la possibilita' di aumentare le ecotasse per il conferimento in discarica, ma non vorrei che nel tentativo di semplificare - conclude - si andasse nella direzione di una deregulation totale che provocherebbe l'aumento di fenomeni malavitosi e ulteriori danni all'ambiente".

(ANSA). 

M'illumino di meno: Schio 2012

( parole chiave: )
17/02/2012 - 18:00
17/02/2012 - 22:30

Bianchi: "Nessuno scambio tra lavoro e salute"

( parole chiave: )

"Il nostro primo pensiero va alle vittime e ai loro familiari che dopo decenni di ferma e tenace battaglia vedono finalmente riconosciute le responsabilità penali di chi ha colpevolmente avvelenato territori e comunità.

La sentenza del tribunale di Torino, che condanna oggi a 16 anni di reclusione i due massimi dirigenti della Eternit per disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche, è una sentenza storica che unisce tutela dell'ambiente e della salute umana alla altrettanto irrinunciabile sicurezza sul lavoro. Non é accettabile nessuno scambio tra salute e lavoro. E anzi l'industria è responsabile penalmente dei danni all'ambiente e alla salute umana che la sua attività produce.

Ora è il momento di sostenere concretamente tutte le vittime dell'amianto e di far partire le bonifiche nelle aree inquinate, non solo Cavagnolo e Casale Monferrato ma anche Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli a Napoli. E insieme a questo, scegliere con decisione l'unica strada di sviluppo possibile, l'economia verde, che unisce rispetto dell'ambiente e creazione di lavoro e che dovrebbe diventare centrale nell'azione del governo Monti per riportare il paese su un sentiero di crescita."

Stella Bianchi su www.partitodemocratico.it   

Condividi contenuti